TU NELLE PAURE
un viaggio tra spaventi di carta
a cura de I Sacchi di sabbia, realizzato con il sostegno di Fondazione Toscana Spettacolo onlus e Regione Toscana nell’ambito di Così remoti, così vicini nuove idee per un teatro a distanza

Il progetto è destinato ai bambini II ciclo primaria

  • laboratorio di costruzione pop-up in forma di tutorial
  • spettacolo

Nei vecchi Luna Park di una volta c’era il Tunnel dell’Orrore: seduti su un vagoncino i giovani visitatori – soli o accompagnati dai genitori – affrontavano un tragitto infestato da fantasmi, scheletri, pipistrelli, ragnatele, zombie e quant’altro, un viaggio in cui buio e suoni spaventosi erano elementi essenziali alla costruzione della suggestione. Dal tunnel si usciva rigenerati: un po’ più grandi se si era abbastanza piccoli da spaventarsi, divertiti se già troppo adulti. A partire da questa suggestione dal sapore artigianale, ci siamo immaginati un viaggio virtuale a bordo di un vagoncino anch’esso virtuale, una webcam, un occhio che porta lo spettatore attraverso un tunnel di carta in un luogo buio, pieno di ombre e figure bianche, evanescenti. Prima un fantasma, poi un vampiro, infine uno zombie: figure di carta che appaiono e scompaiono dalle pagine di libri pop up, appositamente costruiti. A guidare il viaggio, un attore, un misterioso nocchiero che accompagnerà lo spettatore tra una prova e l’altra. Ma un tale viaggio richiede una preparazione. Il giovane spettatore non può affrontarlo sguarnito.
Abbiamo dunque immaginato che i giorni che precedono il nostro evento on-line siano caricati di un’energia speciale, tipica delle grandi prove: attraverso un video tutorial i giovani impavidi, che decideranno di intraprendere il viaggio, faranno la conoscenza del personaggio che li accompagnerà in questa avventura, il misterioso nocchiero che in questa fase li guiderà alla costruzione di TU, il loro piccolo alter ego di carta realizzato con le tecniche dei libri pop up, che avrà anche la funzione di talismano, necessario per vincere le paure del viaggio. Il piccolo spettatore, armato del suo TU-amuleto, dovrà affrontare tutti gli spaventi di carta che incontrerà sul suo cammino, fatto di brividi e risate. Perché anche grazie alla risata si può esorcizzare la paura e perché capita che chi vuole spaventarci non riesca ad altro che a farci ridere!

Share This