La regista Irina Brook, figlia del maestro Peter Brook, incrocia in questo spettacolo la propria biografia di figlia d’arte con le “visioni” di Anton Čechov. I temi e le atmosfere del teatro checoviano riaffiorano dal vissuto personale della regista, la cui mamma, l’attrice Natasha Parry, era di origini russe da parte di madre: la malinconia per un’epoca che tramonta e la tensione verso qualcosa che deve ancora nascere.

Seagull Dream, il cui nucleo centrale è Il gabbiano di Čechov, porta a compimento il progetto del Teatro Biondo “The House of Us”, che la regista inglese ha avviato a Palermo lo scorso anno. Lavorando con i giovani allievi della “Scuola dei mestieri dello spettacolo”, Brook ha realizzato un suggestivo percorso performativo nelle sale espositive di Palazzo Sant’Elia, sovrapponendo il ricordo della madre e il proprio controverso rapporto con la recitazione e il teatro. Alcuni brani del repertorio checoviano si intersecavano con pagine autobiografiche e con una riflessione sulle relazioni interpersonali nell’epoca in cui la pandemia ci ha costretti all’isolamento forzato. Con l’aiuto dei giovani allievi del Biondo, Irina Brook ha iniziato a tracciare una mappa ideale del teatro prossimo venturo.

Con Seagull Dream, la regista porta avanti la sua intensa ed emozionate riflessione sul teatro, inteso come laboratorio dei sentimenti e della vita, per indicare una possibile nuova direzione alle nuove generazioni.

SEAGULL DREAM 

Il sogno del gabbiano

Di Irina Brook 

Da Il gabbiano e altri testi di Anton Cechov

Con Pamela Villoresi, Geoffrey Carey e cast in via di definizione

Produzione Teatro biondo Palermo 

Le recensioni del pubblico

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
0 0 votes
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Share This