Glauco Mauri affronta per la terza volta Re Lear, la più titanica delle tragedie di Shakespeare: il primo allestimento nel 1984 e il secondo nel 1999, sue le due regie per un totale di 500 repliche. Oggi, diretto da Andrea Baracco con Roberto Sturno nel ruolo del conte di Gloucester, al suo fianco anche nelle du
passate edizioni nel ruolo del Matto.
“La più titanica tragedia di Shakespeare, dramma dell’amore padri-figli e della follia. Non ho mai smesso di credere che bisogna sempre mettersi in discussione, accettare il rischio pur di far sbocciare idee nuove per meglio comprendere quel meraviglioso mondo della poesia che è il teatro. Ed eccomi qui per la terza volta, alla mia veneranda età, impersonare Lear.” (Glauco Mauri)

durata: 2h 50’

di William Shakespeare
traduzione di Letizia Russo
riduzione e adattamento di Andrea Baraccoe, Glauco Mauri
regia Andrea Baracco
con Glauco Mauri-Re Lear, Linda Gennari-Goneril, Aurora Peres-Regan, Emilia Scarpati Fanetti-
Cordelia, Roberto Sturno-Conte di Gloucester, Francesco Sferrazza Papa-Edgar, Aleph Viola-Edmund,
Dario Cantarelli-Matto, Enzo Curcurù-Conte di Kent, Laurence Mazzoni-Oswald
Paolo Lorimer-Duca di Albany, Francesco Martucci-Duca di Cornovaglia
scene e costumi Marta Crisolini Malatesta
musiche Giacomo Vezzani, Riccardo Vanja
luci Umile Vainieri
produzione Compagnia Mauri Sturno/Fondazione Teatro della Toscana

Le recensioni del pubblico

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
0 0 votes
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Share This