Questo allestimento de L’anima buona di Sezuan di Bertolt Brecht vede Monica Guerritore nel doppio ruolo della buona prostituta Shen-Te e del suo perfido ed inventato cugino. Inoltre la regia è curata dalla stessa Monica Guerritore ed è ispirata alla versione diretta da Giorgio Strehler nel 1981. Nella capitale della provincia cinese del Sezuan giungono tre dèi alla ricerca di qualche anima buona e ne trovano solo una, la prostituta Shen Te, che li ospita per la notte. Il compenso inaspettato per tale atto di bontà è una tonda sommetta, mille dollari d’argento, ossia, per Shen Te, la possibilità di vivere bene. Ma il compenso è accompagnato dal comandamento di continuare a praticare la bontà. La povera Shen Te apre una tabaccheria e si trova subito addosso uno sciame di parassiti, falsi e veri parenti bisognosi, esigenti fino alla ferocia, da cui è costretta a difendersi. Per farlo, una notte, si traveste da cugino cattivo, Shui Ta, spietato con tutti. A complicare la situazione però interviene l’amore…

durata: 2h con intervallo

di Bertold Brecht, traduzione e adattamento di Roberto Menin
regia Monica Guerritore (ispirata all’edizione di Giorgio Strehler del 1981)
con Monica Guerritore
e con Matteo Cirillo, Alessandro Di Somma, Vincenzo Gambino, Nicolò Giacalone,
Francesco Godina, Diego Migeni e Lucilla Mininno
scene da un’idea di Luciano Damiani
disegno luci Pietro Sperduti
costumi Valter Azzini
direttore dell’allestimento Andrea Sorbera
assistente alla regia Ludovica Nievo
regista assistente Leonardo Buttaroni
produzione Best Live / Fondazione Teatro della Toscana

Le recensioni del pubblico

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
0 0 votes
Article Rating
Sottoscrivi
Notificami
guest

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

0 Commenti
Inline Feedbacks
View all comments
Share This