Partendo da una serie di interviste fatte ad alcuni “padri separati”, tra i quali gli ospiti del Residence dei Babbi attivato due anni fa nel Comune di Rimini, e da uno scrupoloso lavoro di documentazione sulle prassi e le normative in tema di affidamento dei minori, lo spettacolo osserva da vicino quello che è diventato uno dei disagi simbolo della nostra generazione: l’assenza di prospettive data dalla rottura degli argini col vecchio modello di famiglia.
Attraverso il confronto commovente e rocambolesco tra un’integerrima assistente sociale, alle prese col suo primo incarico dopo un periodo di pausa forzata, e uno sperduto padre separato, in piena fase di “ristrutturazione emotiva”, un incontro che pone al centro il bisogno di sentirsi accolti e ascoltati. Lei ha qualcosa che non riesce a perdonarsi, lui qualcosa da nascondere. Il risultato è un emozionante “duello”, tra telefonate inaspettate, angoscianti sospetti e divertenti sorprese.

durata: 1h 20’