Uno spettacolo che nasce dal desiderio mettere a fuoco la reale storia delle ragazze delle case chiuse.
Le case chiuse vengono abolite il 20 settembre 1958 grazie all’impegno e alla tenacia di Lina Merlin, prima donna ad essere eletta in Senato, che realizzò una proposta di legge per eliminare lo sfruttamento della prostituzione. Le lettere delle prostitute alla senatrice Merlin furono raccolte dalla stessa Merlin e da Carla Barberis (moglie di Sandro Pertini) e la loro autenticità è garantita dagli originali, oggi depositati presso un notaio.
A scrivere sono per lo più madri piene di speranza e dignità, piene di stupore e gratitudine per chi mostra interesse verso la loro situazione di “donne perdute”, per chi, come la Senatrice Merlin, immagina per loro un futuro diverso e migliore.

durata: 1h 10’