Sinisi in questo lavoro mette in evidenza un elemento importante del romanzo: la provvidenza, rivelandoci l’antica necessità di vivere insieme, ma ciascuno nella propria diversità, emancipandoci così dalle nostre paure. L’opera viene messa in scena con una nuova prospettiva, a dimostrazione che è classico ciò che è inesauribile. La possibilità offerta dal teatro di trasfigurare ogni contenuto in corpo può riconnetterci con l’indagine manzoniana sulle costanti umane, sul senso della Storia e sul rapporto del singolo con gli eventi che lo travalicano, consentendoci di riappropriarci della sua forza narrativa complessa e moderna, capace di rispecchiare un’umanità talmente pregnante di vita da generare estreme semplificazioni o stereotipi.

durata: 1h 30’ con intervallo

di Alessandro Manzoni
adattamento e regia Michele Sinisi
scritto con Francesco M. Asselta
con Diletta Acquaviva, Stefano Braschi, Gianni D’addario, Bruno Ricci,
Giulia Eugeni, Francesca Gabucci, Ciro Masella, Stefania Medri, Giuditta Mingucci,
Donato Paternoster, Michele Sinisi
scene Federico Biancalani
costumi GdF Studio
aiuto regia Roberta Rosignoli, Nicolò Valandro
aiuto costumista Elisa Zammarchi
direzione tecnica Rossano Siragusano
produzione Elsinor Centro di Produzione Teatrale

Le recensioni del pubblico

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Sottoscrivi  
Notificami
Share This