Un formato video in streaming per un numero di spettatori prestabilito, tutti connessi in diretta. La videocamera non inquadra una persona, ma la superficie circoscritta di un tavolo dove compaiono-scompaiono solo le mani dei performer e elementi 2D fatti di stampe e ritagli: personaggi, oggetti, luoghi, scritte. Attraverso questi strumenti basilari, ma dotati di forte carica suggestiva, viene a costruirsi una mappa di aneddoti storici che entrano in relazione gli uni con altri, scatenando associazioni e slittamenti di senso alla ricerca di quella suggestione che Walter Benjamin definiva costellazione svelata.