Bella scoperta nasce dal desiderio di Anna Meacci di curiosare nella storia di scienziati ed inventori. Immaginare i loro sogni e desideri. Perché gli inventori, gli scienziati, i ricercatori sono dei sognatori. Vedono ciò che non c’è, desiderano ciò che non c’è. Sentono la mancanza di qualcosa che ancora non c’è e che non c’è mai stata.
Un viaggio tra invenzioni e scoperte – dal telefono al tergicristallo, dalla lavatrice al televisore, dal pomodoro al vino, dal gas nervino alla camera a gas, dall’elettricità alla sedia elettrica – accompagnato da una domanda: può una grande invenzione essere dannosa?

durata: 1h 30’