comunicato stampa

.

.

.

Fondazione Toscana Spettacolo

Anche il 25 novembre, la cultura come antidoto

alla violenza

.

Il 25 novembre è tristemente sempre più necessario e a partire da questo data, proseguendo per tutti gli altri giorni, occorre essere plurali e uniti nella lotta contro la violenza sulle donne.

.

Le infinite iniziative programmate per la giornata contro la violenza sulle donne dimostrano che è possibile ritrovarsi insieme per combattere e spezzare la catena dei femminicidi e ogni altra forma di violenza sulla donna.

.

La Fondazione Toscana Spettacolo onlus cerca di farlo tutti i giorni. Gli spettacoli che passano dal suo Circuito, che raggiunge 74 comuni della regione, includono sempre titoli che parlano delle donne, della violenza ma anche della bellezza del genere femminile, del loro rapporto con gli uomini e del loro ruolo all’interno della società. Spettacoli affidati a grandi registi e ad attori di primordine che in scena cercano di dare consapevolezza, di migliorare le sensibilità e tendere a un mondo sempre più plurale.

.

“Crediamo fortemente nella centralità della cultura e nel suo potere gentile di aprire spazi nella mente e nei cuori, di unire le persone, di trasmettere la memoria di vite, di spazi, di luoghi e con essa la consapevolezza – osserva la presidente della Fondazione Toscana Spettacolo onlus, Cristina Scaletti -. Per questo la Fondazione Toscana Spettacolo, nel giorno in cui si piange per la morte di Giulia e per tutte le altre 105 donne uccise per mano dell’uomo che diceva di amarle, rinnova il suo impegno a rendere le donne ancora di più al centro della scena e mai sole. Vorremmo vedere sempre di più persone sedute nei teatri perché la cultura è un potentissimo antidoto contro la violenza”.

.

.

Firenze, 24 novembre 2023