IL BARDO DEI SOTTERRANEO CON SHAKESPEAROLOGY

Un one-man-show, una biografia, un pezzo teatrale che dà voce al Bardo in persona e rovescia i ruoli abituali: dopo secoli passati a interrogare la sua vita e le sue opere, finalmente è lui che interroga il pubblico del nostro tempo. Con il concept e la regia dei Sotterraneo, Woody Neri fa rivivere Shakespeare.

I GIOCHI DI PAROLE DI ALESSANDRO BERGONZONI

Alessandro Bergonzoni scrive, allestisce ed interpreta il suo quindicesimo testo per il teatro. Dove ci porterà stavolta la sua personalissima, esilarante e poetica scrittura? Con “Trascendi e sali” ci conduce ancora una volta nel territorio sconfinato della sua folle genialità, in bilico tra i pieni e i vuoti del linguaggio.

DANIELA MOROZZI È AMY DAL RACCONTO DI CONRAD

Ispirato ad un racconto di Joseph Conrad, “Amy” porta in scena una storia accaduta oltre un secolo fa in Inghilterra, ma tristemente ancora attuale. Lo straniero, naufragato nella nostra società, ci appare ancora oggi come un pagano, una specie di stregone, forse un pazzo, molto probabilmente un demonio.

IN CERCA DELLA FELICITÀ CON SIMONE CRISTICCHI

Che cos’è la felicità? Cosa ci impedisce di essere felici? Esiste una ricetta per vivere sereni? Attraverso canzoni, racconti e videoproiezioni, aprendo la sua valigia di “ricercautore”, in “Happynext” Simone Cristicchi si confronta con un tema cardine per ogni uomo, disvelando il fascino delle piccole cose.

NEL MACBETH DI SERRA SHAKESPEARE PARLA SARDO

L’universalità dei sentimenti shakespeariani e visioni carnevalesche si mescolano in un suggestivo Macbeth che si esprime in sardo. Pervasa da affascinanti sonorità, la potente riscrittura di Alessandro Serra si allontana dal giogo dei significati per magnificarne il senso più profondo e nascosto.

ROMEO E GIULIETTA SECONDO ALE E FRANZ

Ale e Franz portano in scena la dolorosa storia dei celebri innamorati di Verona, Giulietta e Romeo, secondo il più autentico spirito elisabettiano: tutti uomini e ognuno di loro interpreta più personaggi, anche quelli femminili. Un’esilarante rivisitazione shakespeariana, non priva di momenti poetici e grotteschi.

ANFITRIONE DI PLAUTO DUEMILA ANNI DOPO

Tra verità e inganno, spiazzanti situazioni comiche fanno da specchio alle grottesche e disorientanti vicende di un dilettante populista dei giorni nostri. Una rilettura del classico di Plauto che diventa una riflessione profonda, quasi archetipica, del nostro essere mortali e del rapporto con il nostro doppio.

LA GUERRA DI KOBANE DAL FUMETTO ALLA SCENA

“Kobane Calling”, il capolavoro di Zerocalcare, approda per la prima volta sul palco, dando vita a un insolito documentario teatrale. Uno spettacolo che racconta la verità brutale di un conflitto dimenticato, cercando pericolosamente di restare in bilico tra cronaca del nostro tempo e immaginario fumettistico.

DA GERSHWIN A SCHUBERT AI RINNOVATI DI SIENA

Giovedì 12 dicembre a Siena doppio appuntamento con la danza della MM Contemporary Dance Company. Sul palco del Teatro dei Rinnovati “Schubert Frames” di Enrico Morelli e “Gershwin Suite” di Michele Merola con celeberrimi brani che fanno da colonna sonora a ipnotiche coreografie.

ROSSINI CONTEMPORANEO AL SOLVAY DI ROSIGNANO

Uno spettacolo ispirato alle potenti immagini sonore di Gioachino Rossini, che ha composto grandi opere che perfettamente si adattano alle esigenze del pubblico di oggi. Con la coreografia e la regia di Mauro Astolfi, “Rossini ouvertures” in scena venerdì 6 dicembre al Teatro Solvay di Rosignano.