ZANNA BIANCA PER I PICCOLI IN SCENA A SIENA E CHIUSI

Un racconto che morde, corre veloce sulla neve, per poi raccogliersi intorno al fuoco. Un omaggio selvaggio e passionale a Jack London, ai lupi, al Grande Nord e all’infanzia del mondo. “Zanna bianca” apre le stagioni ragazzi del Teatro dei Rozzi di Siena (25 gennaio) e del Teatro Mascagni di Chiusi (26 gennaio).

FURIOSO E INNAMORATO ARLECCHINO NELLE SALE FTS

L’Amore, quello con la “A” maiuscola, è il motore di un originale canovaccio costruito secondo i canoni classici della Commedia dell’Arte. Un Amore ostacolato, invocato, cercato, nascosto e rivelato. “Arlecchino Furioso” martedì 28 gennaio apre la nuova stagione del Teatro degli Unanimi di Arcidosso.

DE FILIPPO SECONDO CECCHI INAUGURA CECINA

Due atti unici di Eduardo De Filippo ci raccontano le disavventure di un mago maldestro e di un marito addolorato. “Dolore sotto chiave” e “Sik Sik l’artefice magico”, diretti da Carlo Cecchi, al Teatro Eduardo De Filippo di Cecina sabato 8 febbraio e al Teatro Masaccio di San Giovanni Valdarno domenica 9 febbraio.

IL GIARDINO DI CECHOV RIAPRE GLI ANIMOSI

Mercoledì 29 gennaio riapre il Teatro degli Animosi di Carrara e ospita una stagione dedicata alla scena contemporanea. Il primo appuntamento, in esclusiva regionale, è con “Il giardino dei ciliegi” di Cechov, diretto da Alessandro Serra. Una scena minimale per un testo che parla di crisi.

TRA EROE E CAMPIONE PANTANI RACCONTA BARTALI

Lo spettacolo è un omaggio alla storia di un grande campione di ciclismo, Gino Bartali, ma anche l’occasione per approfondire, attraverso la sua vicenda umana e sportiva, la realtà dell’Italia sotto il nazifascismo, in anni in cui si prestò a fare la staffetta per un’organizzazione che cerca di salvare gli ebrei.

PADRI DI OGGI E DI IERI SECONDO MARIO PERROTTA

Nel primo spettacolo della trilogia “In nome del padre, della madre, dei figli”, Mario Perrotta indaga il tempo presente per scoprire quanto profonda e duratura è la mutazione delle famiglie millennials e quanto di universale ed eterno vi è ancora. Il risultato è un’intensa indagine sulla figura del padre.

L’ETERNA GIOVINEZZA DI PAOLO HENDEL

In prima nazionale venerdì 24 gennaio al Teatro Niccolini di San Casciano, il nuovo spettacolo con protagonista il comico toscano. Utilizzando il linguaggio della stand up comedy, Paolo Hendel racconta con sincerità disarmante non solo se stesso, ma anche un Paese, l’Italia, che sta invecchiando inesorabilmente.

LE PAROLE DI MASSINI ALL’AURORA DI SCANDICCI

In un vortice di racconti affascinanti, Stefano Massini si muove dall’America all’Oriente, spaziando da Leopardi a Kafka e servendosi di storie accadute in epoche e luoghi fra i più diversi, accomunate dalla potenza sempre antica e sempre nuova della parola. Venerdì 24 gennaio al Teatro Aurora di Scandicci.

LA DIVINA COMMEDIA SECONDO GIOBBE COVATTA

Giobbe Covatta ha recuperato dal macero di una discarica il manoscritto di una versione “apocrifa” della “Divina Commedia” firmato da tal Ciro Alighieri. Purtroppo dell’opera è rimasto solo l’Inferno, e non in versione completa, che mostra macroscopiche differenze con la più nota versione dantesca.

THE BLACK BLUES BROTHERS TRA CIRCO E RHYTHM’N’BLUES

Cinque acrobati con il ritmo e l’energia dell’Africa nel sangue, ma con uno stile americano, propongono uno spettacolo dinamico, adatto ad ogni età. In “The Black Blues Brothers” ogni oggetto di scena diventa uno strumento per acrobazie mozzafiato, tra gag esilaranti e spassose sfide di ballo.