Rapolano Terme, Teatro del Popolo: sabato 6 febbraio, ore 21

DAL PROFONDO DEL CUORE
coreografie Paolo Arcangeli, Roberto Sartori, Christian Fara
musiche Johann Sebastian Bach, Henry Purcell, Max Richter, Frank Bretschneider
produzione Kaos Balletto di Firenze

La missione è liberare l’anima dei soggetti imprigionati negli strati di marmo modellato dagli scultori. Artefici sono tre coreografi che si servono della danza per far esprimere quello spirito racchiuso nell’arte. Dal profondo del cuore a Rapolano Terme sabato 6 febbraio.

Ispirati dai lavori di Gian Lorenzo Bernini, Antonio Canova e dal contemporaneo Enrico Ferrarini, i coreografi Roberto Sartori, Christian Fara e Paolo Arcangeli si servono della danza per liberare lo spirito che la scultura ha imprigionato. Certi che nel profondo delle opere giaccia un cuore pulsante, si servono della danza per far esprimere quello spirito imprigionato. Ma il cuore, se non viene alimentato dallo spirito dell’amore, si inaridisce: così i tre coreografi scoprono che i prigionieri, pur concedendosi qualche attimo di emozione, tendono comunque a tornare al loro stato originario: il loro cuore, dopo così tanto tempo, è divenuto di marmo e non può esistere una danza priva di sentimenti.

Share This