Reggello, Teatro Excelsior: mercoledì 27 gennaio, ore 21.15

TRITTICO BECKETTIANO
Atto senza parole I / Non io / L’ultimo nastro di Krapp
di Samuel Beckett
traduzione Carlo Fruttero, John Francis Lane
regia Giancarlo Cauteruccio
con Massimo Bevilacqua, Monica Benvenuti,
Giancarlo Cauteruccio
scene Andrè Benaim
costumi Massimo Bevilacqua
luci Trui Malten
musiche ed elaborazioni sonore Andrea Nicoli
produzione Teatro Studio Krypton

Si può continuare a scoprire Samuel Beckett a oltre cento anni dalla nascita? Lo sostengono i fedelissimi di Krypton con un Trittico Beckettiano che riunisce tre testi dedicati dal maestro irlandese al corpo, alla parola e alla memoria. A Reggello mercoledì 27 gennaio.

Tre pièces brevi, tra le più riuscite che il drammaturgo irlandese ha consegnato al teatro, compongono il Trittico beckettiano del Teatro Studio Krypton. Capolavori che richiedono ai tre interpreti grande impegno e grande energia. I protagonisti sono Massimo Bevilacqua per Atto senza parole I, Monica Benvenuti per Non io e lo stesso regista Giancarlo Cauteruccio per L’ultimo nastro di Krapp. Dedicate rispettivamente al corpo, alla parola e alla memoria, incarnano quel vivere “per tormento” che secondo Beckett è il senso stesso, sia pure senza futuro, dell’esistenza.

Share This