Una vecchia di ottant’anni si ritrova in ospizio contro la propria volontà. Una caduta, qualche giorno in ospedale, il figlio lontano, una nuora avida, la nipote che non ha mai tempo, quindi la soluzione migliore per tutti è la casa di riposo. Per tutti tranne che per lei. Come tornare allora a casa, davanti al suo mare, per ritrovare le amiche di sempre con cui fare per quattro chiacchiere il pomeriggio, per rivedere Carmè l’amico d’infanzia e finire la vita dove l’ha sempre vissuta? Scappare è l’unica soluzione, costi quel che costi. Un viaggio alla scoperta di come oggi tre donne vivono la loro età e l’avanzare inesorabile del tempo: chi si rifiuta di invecchiare per sentirsi ancora “giovane”, chi da vecchia subisce la tirannia del “invecchiare bene” e chi giovane lo è davvero, ma si sente già vecchia! Le donne, la loro età e l’invecchiamento al quale non hanno ancora diritto. Uno spettacolo comico per esorcizzare la paura di invecchiare e ricordarsi che “vecchia”… lo sarai anche tu!

durata: 1h 15’

Premio Cervi-Teatro della Memoria 2012
Premi Calandra 2012 Migliore Spettacolo, Migliore Attrice, Migliore Regia

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

di Antonella Questa e Francesco Brandi
regia Francesco Brandi
con Antonella Questa
coreografie Magali B. “Compagnie Madeleine&Alfred”
disegno luci Carolina Agostini
organizzazione generale Serena Sarbia
collaborazione Gérard Darier, Giuliana Musso,
Carlotta Clerici
produzione Comp. LaQ-Prod

Contattaci Newsletter
×
 
Grazie per esserti iscritto.
×
 
Grazie! Il suo messaggio è stato inviato.
×