“Dove stanno i miei ricordi, i miei pensieri? E i pensieri degli altri? Cioè io i miei mi sembra di vederli, però chi mi è accanto dice di no. E allora dove sono quelli che vedo io? Dove sta ciò che non si vede ma c’è? Se non scopro dove sta un giorno potrei non trovarlo più”.
In Giorni senza luna c’è un pappagallo accanto ad una finestra turchese e una zia che spruzza nuvole di talco sui bambini. Ma dove sta la memoria della famiglia ora che il pappagallo è morto e che anche la nonna non si sente tanto bene? Giorni senza luna è uno spettacolo sul tema dei disturbi della memoria. Dedicato a chi non molla mai.

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

#intervistallaprofonditadellavita

di Elisa Porciatti
con Rita Ceccarelli e Elisa Porciatti
testo originale creato dalle testimonianze di
personale medico e familiari dei
pazienti dell’ UOC Clinica neurologica e malattie
neurometaboliche del Policlinico Le Scotte di Siena
produzione Opificio Badesse

Contattaci Newsletter
×
 
Grazie per esserti iscritto.
×
 
Grazie! Il suo messaggio è stato inviato.
×