erodiate

Lo spettacolo si ispira al poema incompiuto Hérodiade di Stéphane Mallarmé, del quale restano tre frammenti e una serie di appunti. La figura centrale è rappresentata da Erodiade, vista nella sua immensa solitudine e amarezza. La scenografia, concepita da Alighiero e Boetti, celebre artista visivo contemporaneo prematuramente scomparso, crea un recinto di geometrica lucidità, uno spazio suggestivo come luogo di metamorfosi. Lo spazio è stato diviso orizzontalmente da una linea rossa, verticalmente da un fondalino mobile sul quale è stato disegnato un cerchio rosso a indicare un equilibrio che si romperà con la decapitazione del Battista, la catarsi di Erodiade e la scoperta di un nuovo mondo.
Lo spettacolo si sviluppa in un discorso di dualità: bene e male, cielo e terra, chiave di lettura che viene sottolineata anche nella scelta dei costumi, il blu e il rosso.

durata: 1h

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

regia e coreografia Julie Ann Anzilotti
scene Alighiero e Boetti
musiche Paul Hindemith, Wilhelm Killmayer,
Walter Fahndrich
assistente alla scenografia Tiziana Draghi
costumi Loretta Mugnai
consulenza musicale Michele Porzio
scrittura vocale e voce (su nastro magnetico)
Gabriella Bartolomei
con Paola Bedoni, Sara Paternesi, Giulia Ciani,
Sara Ladu, Liber Dorizzi, Laura Massetti
disegno luci Andrea Berselli
produzione Compagnia Xe
Progetto RIC.CI Reconstruction Italian
Contemporary Choreography Anni 80/90.
Direzione Artistica: Marinella Guatterini

Contattaci Newsletter
×
 
Grazie per esserti iscritto.
×
 
Grazie! Il suo messaggio è stato inviato.
×