erodiate

Lo spettacolo si ispira al poema incompiuto Hérodiade di Stéphane Mallarmé, del quale restano tre frammenti e una serie di appunti. La figura centrale è rappresentata da Erodiade, vista nella sua immensa solitudine e amarezza. La scenografia, concepita da Alighiero e Boetti, celebre artista visivo contemporaneo prematuramente scomparso, crea un recinto di geometrica lucidità, uno spazio suggestivo come luogo di metamorfosi. Lo spazio è stato diviso orizzontalmente da una linea rossa, verticalmente da un fondalino mobile sul quale è stato disegnato un cerchio rosso a indicare un equilibrio che si romperà con la decapitazione del Battista, la catarsi di Erodiade e la scoperta di un nuovo mondo.
Lo spettacolo si sviluppa in un discorso di dualità: bene e male, cielo e terra, chiave di lettura che viene sottolineata anche nella scelta dei costumi, il blu e il rosso.

durata: 1h

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

regia e coreografia Julie Ann Anzilotti
scene Alighiero e Boetti
musiche Paul Hindemith, Wilhelm Killmayer,
Walter Fahndrich
assistente alla scenografia Tiziana Draghi
costumi Loretta Mugnai
consulenza musicale Michele Porzio
scrittura vocale e voce (su nastro magnetico)
Gabriella Bartolomei
con Paola Bedoni, Sara Paternesi, Giulia Ciani,
Sara Ladu, Liber Dorizzi, Laura Massetti
produzione Compagnia Xe
Progetto RIC.CI Reconstruction Italian
Contemporary Choreography Anni 80/90.
Direzione Artistica: Marinella Guatterini

Contattaci Newsletter
×
 
Grazie per esserti iscritto.
×
 
Grazie! Il suo messaggio è stato inviato.
×