Uno spettacolo sullo stato liquido della realtà e sulla difficoltà di comprenderne l’evoluzione. In scena il corpo incarna il nostro furioso stato di adattamento ai continui cambiamenti di genere, età, condizione sociale, appartenenza geografica, relazioni e stati emotivi. Una danza inquieta, allo stesso tempo in contrasto e fedele a se stessa, in bilico tra il desiderio di felicità e l’informe caos che costituisce la natura umana, che si protende verso il racconto di una realtà effimera e lontana da ogni tentativo di classificazione dogmatica.

durata 50’

ovvero la costante metamorfosi umana che sfugge ad ogni tentativo di classificazione della realtà
regia e coreografia Francesca Lettieri
foto Mohsen Sariaslani
produzione Compagnia ADARTE
con il sostegno di Regione Toscana e Ministero per i Beni e le Attività Culturali

Le recensioni del pubblico

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes
Share This
×