Patrick Marber riadatta la tragedia di August Strindberg, La signorina Giulia, ambientandola nell’Inghilterra degli anni Quaranta, subito dopo la fine della guerra e la vittoria laburista. Nella cucina della villa di una famiglia dell’alta società, Miss Julie, figlia dei proprietari, gioca a trasgredire socialmente e sessualmente: tra colpi di scena e finte casualità, la ragazza tenta spudoratamente di sedurre John, autista e maggiordomo di famiglia, di fronte a Christine, cuoca e promessa sposa di quest’ultimo. Benché incarni gli ideali laburisti di emancipazione femminile e di liberazione sessuale, Miss Julie mostra il desiderio di scappare dalla sua vita di agio e ipocrisia, perché sente di non appartenere alla nuova società inglese che si sta affermando. Lo spazio scenico è una ricostruzione psicologica tratta dalle menti dei protagonisti del dramma.

di Patrick Marber
traduzione Marco Maria Casazza
con Gabriella Pession, Lino Guanciale
e con Roberta Lidia De Stefano
regia Giampiero Solari
scene Giorgio Morandi, Elisa Rolando e Marta Solari studenti del Triennio in Scenografia di NABA Nuova Accademia di Belle Arti con il coordinamento di Angelo Linzalata
luci Camilla Piccioni
costumi Nicoletta Ceccolini
regista collaboratore Vittorio Borsari
scene costruite presso il laboratorio del Teatro Franco Parenti e FM Scenografia
costumi realizzati presso la sartoria del Teatro Franco Parenti diretta da Simona Dondoni
produzione Teatro Franco Parenti

Le recensioni del pubblico

0.00 avg. rating (0% score) - 0 votes

Lascia una recensione

avatar

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

  Sottoscrivi  
Notificami
Share This
×