Scarica i materiali stampa (comunicato + foto), clicca QUI!

FONDAZIONE TOSCANA SPETTACOLO Onlus
COMUNE DI CHIUISI
FONDAZIONE ORIZZONTI

TEATRO MASCAGNI
STAGIONE TEATRALE 2018/2019

Dai maestri del Novecento alle voci dei nostri giorni: riparte la stagione del Mascagni di Chiusi

Un viaggio nel Novecento, fra grandi classici italiani, da Pirandello a De Filippo, e dolorosi pezzi di storia, come l’Olocausto, raccontato però in maniera originale e grottesca. La nuova stagione del Teatro Mascagni di Chiusi riparte dal “secolo breve” per arrivare ai nostri giorni, con artisti di primo piano come Massimo Lopez, Tullio Solenghi, Ascanio Celestini, Violante Placido e tanti altri; non mancheranno sul palco anche già rodati artisti del territorio.

Un cartellone che nasce dalla rinnovata sinergia fra Fondazione Toscana Spettacolo onlus, il primo circuito multidisciplinare d’Italia, l’amministrazione comunale e la Fondazione Orizzonti. Da quest’anno, il Teatro Mascagni rientra quindi nel circuito di FTS: un gradito ritorno, che offrirà nuove opportunità al pubblico. Fra i 62 Comuni in cui opera, FTS programma infatti anche molte altre sale dei territori limitrofi del senese e dell’aretino: dove gli spettatori di Chiusi potranno andare, a prezzi ridotti, grazie alla nuova Carta dello Spettatore FTS.

Prezzi: abbonamenti da 25 a 90 euro, biglietti da 5 a 20 euro
Novità: per gli universitari possessori della Carta dello Studente è riservato un prezzo speciale di 8 euro; le riduzioni per i giovani sono valide fino a 30 anni.
FTS “Aspettando i 30 anni”: per il suo trentennale (autunno 2019) Fondazione Toscana Spettacolo già nella stagione 2018-2019 propone iniziative rivolte al pubblico per offrire sempre nuove occasioni di vivere lo spettacolo dal vivo e di raccontare l’esperienza a teatro: Carta dello spettatore FTS, biglietto sospeso, biglietto futuro, buon compleanno a teatro, carta dello Studente della Toscana, diventa storyteller. Proposte per il pubblico di oggi e di domani, per una partecipazione ancora più inclusiva.

Ad inaugurare la stagione, venerdì 18 gennaio, ore 21.15 (come per tutti gli spettacoli, eccetto quelli domenicali, quando la recita è pomeridiana) è Ascanio Celestini. Con Pueblo, l’artista, accompagnato dalla fisarmonica di Gianluca Casadei, racconta le storie di vari personaggi che vivono ai margini della società, una realtà urbana che li ignora e li disprezza. Il filo rosso che li unisce è la pioggia: una pioggia benefica, portatrice delle anime dei morti, evocata dalle danze degli Indiani d’America “Pueblo”.

A seguire, fuori abbonamento, Dov’è finito lo zio coso, in scena sabato 26 gennaio in occasione della Giornata della Memoria per la regia di Manfredi Rutelli. Liberamente tratto dal romanzo Lo zio Coso di Alessandro Schwed, è la storia di un signore che apprende, per caso, che la seconda guerra mondiale non si è mai svolta, proprio mentre si sta recando da un suo zio ungherese per farsi raccontare l’Olocausto. Ora, Alessandro Waldergan e Gianni Poliziani portano in scena uno spettacolo irriverente e grottesco sulla discesa nell’oblio e sull’ansimante risalita.

Manfredi Rutelli firma anche la regia de L’uomo, la bestia, la virtù, la celebre commedia di Pirandello in scena domenica 17 febbraio, ore 17.30. Sul palco gli stessi Waldergan e Poliziani, al fianco di altri quattro attori, alle prese con questo classico del 1919. È una feroce satira nei confronti di quella parte di società che, ostentando un apparente rispetto delle norme comuni, è pronta a trasgredirne i princìpi. Riadattato ed attualizzato, lo spettacolo mantiene intatto il gioco teatrale del triangolo adulterino con le tre maschere evocate del titolo.

La compagnia di Teatro di Luca De Filippo, diretta da Marco Tullio Giordana, porta poi in scena, mercoledì 27 febbraio, Questi fantasmi!. La commedia di Eduardo De Filippo vede ora Gianfelice Imparato nei panni di Pasquale Lojacono, che affitta una casa per poche lire poiché si dice sia abitata dai fantasmi. Al suo fianco Carolina Rosi e un nutrito gruppo di attori ci riportano nella Napoli grandiosa e miserabile del dopoguerra, fra la costante mancanza di denaro e le dolorose difficoltà amorose e familiari.

In cartellone, sabato 9 marzo, anche la musica classica. I solisti e il coro della Cappella Musicale della Basilica Papale di San Francesco in Assisi eseguiranno Celebri cori e arie da opere liriche, diretti da Alessandro Bianconi e accompagnati al piano da Eugenio Becchetti. Una serata all’insegna del bel canto e della bella musica con un concerto dedicato alle arie più note del panorama lirico.

Con Massimo Lopez & Tullio Solenghi Show giovedì 21 marzo – i due attori portano in scena uno spettacolo all’insegna del divertimento, della comicità, dell’emozione. Di nuovo insieme dopo quindici anni, danno vita ad una scoppiettante carrellata di sketch, voci, imitazioni, canzoni, improvvisazioni e risate. Si calano nei panni di un Papa Bergoglio che incontra Papa Ratzinger, o di Gino Paoli che duetta con Ornella Vanoni, fino alla loro celebre imitazione di Dean Martin e Frank Sinatra. Non manca un omaggio all’amica e compagna di viaggio Anna Marchesini.Segue la rilettura tagliente e ironica di un classico: Piccole Gonne adattato e diretto da Alessandro Fullin (venerdì 21 marzo) e interpretato da un cast di soli uomini, nella più schietta tradizione elisabettiana. La storia è nota: una madre estremamente apprensiva, deve sistemare le sue quattro figlie con matrimoni all’altezza delle sue aspettative. Sebbene nessuna di loro abbia molto da offrire, la donna non si darà per vinta e riuscirà a confezionare bomboniere per ognuna delle sue protette.

La stagione si chiude in bellezza, domenica 7 aprile (ore 17.30), con Closer, il capolavoro di Patrick Marber (premio Oscar 2005 con Natalie Portman, Julia Roberts, Jude Law e Clive Owen). Oggi, sul palco ci sono Violante Placido, Fabio Troiano, Chiara Muti e Marco Foschi; lo scontro tra le vite di due uomini e due donne genera una catena di relazioni, flirt, bugie, tradimenti, gelosie e sesso. Con scambi veloci tra i personaggi e ritmo serrato, Closer riesce a trasformare le storie private di quattro persone nella cifra esemplificativa di un’epoca: gli anni Novanta.

 

Campagna abbonamenti
rinnovo da lunedì 26 novembre a martedì 11 dicembre
nuovi abbonamenti da lunedì 17 dicembre a mercoledì 9 gennaio

abbonamenti
platea e palchi centrali €90, €80 ridotto, €70 “biglietto futuro” under 30
palchi laterali €80, €70 ridotto, €60 “biglietto futuro” under 30
loggione €25

biglietti
platea e palchi centrali €18, €16 ridotto
palchi laterali €16, €14 ridotto
loggione €5

spettacolo Massimo Lopez & Tullio Solenghi show
platea e palchi centrali €20, €18 ridotto
palchi laterali €18, €16 ridotto
loggione €6

spettacoli fuori abbonamento
platea e palchi centrali €15
palchi laterali €13
loggione €5

“biglietto futuro” under 30
€ 10 per tutti gli spettacoli in qualsiasi posto

carta Studente della Toscana
biglietto € 8 studenti universitari
(il posto verrà assegnato, dietro presentazione della carta, in base alla  disponibilità della pianta; si consiglia l’accesso in biglietteria almeno un’ora prima dell’inizio spettacolo)

riduzioni
soci BCC Chiusi-Montepulciano, soci COOP Centro Italia, over 65, possessori Carta dello spettatore FTS (solo per i biglietti)

biglietteria
presso gli uffici della Fondazione Orizzonti d’Arte, dal lunedì al venerdì ore 10-13 e 15-17. Il giorno dello spettacolo, se sabato o domenica, biglietteria direttamente in Teatro dalle ore 11 alle ore 13 e dalle ore 15 a fine evento.
biglietti disponibili da lunedì 14 gennaio
biglietti acquistabili online circuito Ciaotickets.com
Al prezzo del biglietto sarà applicato il diritto di prevendita del 10%

info
Fondazione Orizzonti d’Arte
via Porsenna, 81 – Chiusi, SI
tel. 0578 226273 – 20473
info@fondazioneorizzonti.it
biglietteriafondazione@gmail.com

Teatro Mascagni
via Giuseppe Garibaldi, 30 – Chiusi, SI 

comune.chiusi.si.it
toscanaspettacolo.it
fondazioneorizzonti.it

Share This