Stagione teatrale 2018/2019: dalla prosa alla danza, dal musical ai giovani. Con un occhio di riguardo ai ragazzi e alla loro formazione artistica.

Si inaugura il 26 ottobre il nuovo cartellone dei Teatri di Grosseto, ricco per generi e linguaggi con spettacoli che spaziano dalla prosa al musical, dalla danza ai classici.

È stata, infatti, presentata l’offerta culturale promossa nei teatri comunali – Industri e Moderno – per la nuova stagione 2018/2019. Il palcoscenico degli Industri ha ospitato il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna e il vicesindaco Luca Agresti che hanno illustrato, con Patrizia Coletta, direttore di Fondazione Toscana Spettacolo onlus, e Rosario Coppolino il calendario delle rappresentazioni curate dal Comune di Grosseto, insieme a FTS e allo stesso Coppolino.

Un calendario di 20 appuntamenti in scena da ottobre ad aprile, con due prime nazionali e alcune repliche.

“Il teatro è ricchezza ed evasione, ma è anche presa di coscienza di chi sta sul palco e di chi assiste alla messa in scena. Il Comune di Grosseto crede in questo scambio e in questa occasione di crescita affidata a momenti di  svago intelligente e produttivo – dice il sindaco Antonfrancesco Vivarelli Colonna -; crede nel valore educativo del teatro e nel suo ruolo formativo anche per le nuove generazioni. Per questo motivo continuiamo a investire nel teatro e in un’offerta teatrale sempre più ambiziosa che faccia ridere e pensare, commuoversi e interrogarsi; per crescere insieme nella consapevolezza di essere sì individui, ma inseriti in un contesto sociale che regala ogni giorno spunti di riflessione che il teatro in particolare sottolinea e ci propone a ogni spettacolo”.

“La presentazione della Stagione teatrale è uno dei momenti clou frutto di un lavoro che vede nei teatri cittadini luoghi di riferimento per socialità, aggregazione e cultura, con un’offerta variegata, che accontenta chi ama i grandi classici e chi insegue le novità – aggiunge il vicesindaco e assessore alla Cultura, Luca Agresti. -. Un’offerta di qualità che ha portato a grandi risultati, permettendoci di puntare sempre più in alto in termini di prestigio e presenze. Allo stesso tempo stiamo portando avanti un progetto ambizioso: avvicinare, da spettatori e da protagonisti, le nuove generazioni. Scuola e teatro si incontrano, passando anche da un laboratorio che consente ai giovani di fare esperienza sul palcoscenico, insieme a esperti del settore. Ci piace guardare al futuro pensando che proprio i teatri cittadini siano punto di incontro e confronto, ma anche di crescita della nostra Grosseto”.

“Il progetto culturale ed economico che Fondazione Toscana Spettacolo onlus – il primo circuito multidisciplinare italiano – condivide con l’Amministrazione comunale ci consente di presentare al pubblico dei Teatri di Grosseto una stagione teatrale 2018-2019 che attinge al meglio della produzione italiana, con titoli e artisti di grande qualità e fascino – sottolinea Patrizia Coletta, direttore di FTS –. Fra i protagonisti che saliranno sui due palcoscenici cittadini, fra gli altri: Micha van Hoecke, Luciana Savignano, Maria Amelia Monti, Lorella Cuccarini, Giampiero Ingrassia, Emilio Solfrizzi, Paola Minaccioni, Lino Guanciale, Gabriella Pession, Mario Perrotta, Filippo Dini, Maria Paiato, Teatro del Carretto, Compagnia della Rancia. È una proposta inclusiva pensata con particolare attenzione ai giovani e al mondo della scuola, perché il teatro è uno strumento importante per porsi domande e cercare risposte insieme all’Altro. Per questa stagione FTS ha organizzato alcune iniziative promozionali pensate per il suo trentennale; iniziative rivolte al pubblico per offrire sempre nuove occasioni di vivere lo spettacolo dal vivo e di raccontare l’esperienza a teatro: carta dello spettatore FTS, biglietto sospeso, biglietto futuro, buon compleanno a teatro, carta dello Studente della Toscana”.

Sono previsti abbonamenti con diverse formule: a 7 spettacoli al teatro Moderno, a 8 spettacoli al teatro degli Industri, a 10 spettacoli sempre agli Industri, completi con 7 spettacoli al Moderno e 8 agli Industri, abbonamenti completissimi con 7 spettacoli al Moderno e 10 spettacoli agli Industri.

Previste inoltre formule speciali per i giovani con Giovani@ e Giovani# (riservati agli under 30 e agli studenti delle scuole medie e superiori) con 3 spettacoli agli Industri. Ma sono anche previste riduzioni ai singoli spettacoli sempre per i giovani e agevolazioni, per gli abbonati, sugli ingressi al museo e per altri eventi e istituzioni culturali.

Info: Teatro comunale degli Industri, via Mazzini 101/103, Teatro comuale Moderno, via Tripoli 33/35; tel. 0564/488064 – 794; cell. 334.1030779; www.comune.grosseto.it; promozione.cultura@comune.grosseto.it; www.toscanaspettacolo.it.

Share This
×