I TEATRI DEL MUGELLO
TEATRO GIOTTO – BORGO SAN LORENZO
TEATRO COMUNALE GIOTTO – VICCHIO

STAGIONE TEATRALE 2017-2018: IL NOVECENTO, I CLASSICI, LE RISATE E L’IMPEGNO CIVILE. COSÌ IL MEGLIO DEL TEATRO ITALIANO SI PRESENTA A BORGO E VICCHIO.

Prosegue l’attività di relazione e rapporti che Fondazione Toscana Spettacolo onlus ha con le Amministrazioni comunali di Borgo San Lorenzo e di Vicchio e con le realtà associative e teatrali del territorio. I risultati di questo lavoro condiviso danno vita ancora una volta al cartellone del Mugello che, per la stagione 2017-2018, presenta spettacoli importanti, interessanti, intelligenti e divertenti.

I programmi dei due teatri dedicati al genio del luogo – TEATRO GIOTTO DI BORGO SAN LORENZO, TEATRO COMUNALE GIOTTO DI VICCHIO – si integrano in un progetto culturale dinamico, volto a tutti i pubblici, con uno sguardo attento alle richieste dei giovani. Cartelloni improntati alla modernità, alle tematiche del presente e animati da tanti artisti: da Alessandro Benvenuti a Valentina Lodovini, da Isabella Ferrari a Lucia Poli, passando per Maria Amelia Monti e Marco Berry. Una carrellata sul teatro contemporaneo accanto al quale trovano spazio altri linguaggi dello spettacolo dal vivo, come la danza e la musica.

Prezzi, come sempre, alla portata di tutti e per tutte le tasche.

Teatro Comunale Giotto di Vicchio. Ad aprire la grande stagione del Mugello è il teatro di Vicchio che inaugura il cartellone sabato 11 novembre con un classico, si può ormai dire, del Novecento, una geniale pièce di Dario Fo e Franca Rame, TUTTA CASA, LETTO E CHIESA con Valentina Lodovini protagonista. Poi, mercoledì 22 novembre, è di scena un altro lavoro del recente passato, del teatro d’Oltralpe, intelligente e divertente, LA CENA DEI CRETINI di Francis Weber, con un folto cast in cui spiccano i due protagonisti Nicola Pistoia e Paolo Triestino. Sabato 9 dicembre una compagnia toscana a denominazione di origine controllata, Gli Omini, ormai star dei palcoscenici, con una proposta dissacrante sulla vita fra le mura domestiche, LA FAMIGLIA CAMPIONE, appunto. Sotto Natale, mercoledì 20 dicembre, un bel regalo per il pubblico, tre splendide attrici, Lucia Poli, Milena Vukotic e Marilù Prati, nell’adattamento per le scene teatrali di un gioiello letterario di casa nostra, LE SORELLE MATERASSI.
L’anno nuovo, inizia con uno spettacolo fuori dal canone, una sorta di show scientifico condotto, venerdì 12 gennaio, da Marco Berry. La ex iena televisiva si cimenta con i poteri della mente in MINDSHOCK. Nessuna scelta è libera. Domenica 28 gennaio ancora un punto fermo del grande teatro borghese del secolo scorso, CASA DI BAMBOLA di Henrik Ibsen, in un allestimento rigoroso e molto apprezzato, con Valentina Sperlì, Nora, affiancata da bravi comprimari quali Roberto Valerio (anche regista), Michele Nani, Massimo Grigò, Carlotta Viscovo. A seguire, domenica 18 febbraio, un gioiello del vaudeville contemporaneo, L’INQUILINA DEL PIANO DI SOPRA di Pierre Chesnot, gioco a due fra la deliziosa Gaia De Laurentis e il simpatico Ugo Dighero. Chiude la prosa, sabato 10 marzo, l’androgina Irene Pivetti con una impegnativa prova di attrice&attore e cantante, VIKTOR & VIKTORIA, già cavallo di battaglia cinematografico di Julie Andrews.
A primavera appena iniziata, domenica 25 marzo, fuori abbonamento, ma a prezzo ridotto per gli abbonati alle stagioni teatrali, la musica jazz del festival Giotto con IO, JOHN COLTRANE, divagazioni musicali e oltre col Living Coltrane Quartet e Daniela Morozzi.

 

Teatro Giotto di Borgo San Lorenzo. La stagione si apre giovedì 23 novembre col Molière “rivisto” dalla coppia Ugo Chiti (adattamento e regia) e Alessandro Benvenuti (protagonista nelle vesti di Arpagone) di L’AVARO, presentato dalla compagnia Arca Azzurra Teatro. Martedì 12 dicembre un giovane attore che ha “sbancato” le platee televisive come protagonista di Gomorra, si cimenta col miglior teatro americano contemporaneo, quello di David Mamet, Marco D’Amore è protagonista, oltre che regista, di AMERICAN BUFFALO. A seguire, lunedì 15 gennaio, COME STELLE NEL BUIO del drammaturgo napoletano Igor Esposito: protagoniste due delle migliori interpreti del cinema e del teatro italiano, Isabella Ferrari e Iaia Forte, tra umorismo nero e sofisticata ironia, dirette dall’intelligente Valerio Binasco. Mercoledì 24 gennaio Alessandro Haber e Lucrezia Lante della Rovere affrontano, in maniera delicata e profonda, con IL PADRE, un tema che accomuna molte persone, quello del morbo di Alzheimer. Il 1° febbraio, giovedì, un altro tema importante, quello dell’immigrazione, viene presentato con lievità e consapevolezza da Fabio Monti, circondato dalle immagini e dalle scene di Norma Angelini, interprete di LAMPEDUSA È UNO SPIFFERO. Mercoledì 28 febbraio è di scena il giallo, quello più classico e divertente, quello di Agatha Christie, adattato per la scena da Edoardo Erba; Maria Amelia Monti è MISS MARPLE. Giochi di prestigio. Lunedì 12 marzo la danza incontra l’opera con TRAVIATA, una proposta d’alta classe della Compagnia Artemis Danza diretta da Monica Casadei, coreografa e regista specializzata in operazioni di contaminazione fra i generi dell’arte dello spettacolo. Chiude la stagione in maniera spensierata, giovedì 22 marzo, lo spettacolo REVIVAL, DALL’OPERETTA ALLA COMMEDIA MUSICALE, curato da Sandro Querci, che ripropone le musiche e le canzoni di ieri e di oggi, fra quelle più care ai pubblici di tutte le età.

Contattaci Newsletter
×
 
Grazie per esserti iscritto.
×
 
Grazie! Il suo messaggio è stato inviato.
×