comunicato stampa, 8 maggio 2017

IN-BOX DAL VIVO 2017
A SIENA I MIGLIORI ANIMALI DA COMPAGNIA DEL TEATRO CONTEMPORANEO
Due premi, un festival, una vetrina del teatro emergente: dal 17 al 20 maggio nel capoluogo toscano le finali di In-Box.

SIENA – Quattro giorni di spettacoli ed eventi che dal 17 al 20 maggio animeranno il Teatro dei Rozzi e il Teatro del Costone di Siena. Una full immersion nel teatro contemporaneo: prosa, figura, teatro ragazzi, contaminazione di linguaggi in una selezione di 10 tra le migliori compagnie della scena nazionale. Tutto questo è In-Box dal Vivo 2017, il festival del progetto a rete ideato da Straligut Teatro e dedicato alla promozione della scena emergente, giunge così al momento culminante della sua nona edizione, al termine del quale verranno scelti il Vincitore In-Box e il Vincitore In-Box Verde. In-Box dal Vivo è una festa del teatro aperta a tutta la città, ma è anche la fase finale di due premi nazionali che mettono in palio complessivamente 76 repliche per i 10 spettacoli selezionati. Sostenuto dal Comune di Siena, da Fondazione Toscana Spettacolo Onlus, dalla Regione Toscana e dal Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, In-Box dal Vivo è un evento di rilievo nel panorama teatrale che porterà nel capoluogo toscano quasi 200 tra artisti, operatori, giornalisti e addetti ai lavori provenienti da tutta Italia: una grande vetrina del teatro emergente. “La giraffa – il nostro testimonial maculato – e lo slogan “animali da compagnia”  vogliono raccontare in maniera leggera l’identità del progetto – spiegano Fabrizio Trisciani e Francesco Perrone di Straligut – In-Box seleziona proposte non ordinarie dotate di una forza e originalità tali da riuscire a coinvolgere tutti. Provare per credere”.

Per Patrizia Coletta, direttore di Fondazione Toscana Spettacolo onlus: “Questa nuova significativa tappa del progetto In Box incontra a pieno titolo la vocazione istituzionale di Fondazione Toscana Spettacolo onlus per il ricambio della creazione artistica e del pubblico attraverso opportunità concrete di visibilità, scambio e crescita. Per FTS la condivisione di un progetto quale In Box, reso ora più incisivo dall’attenzione del Comune di Siena e dal riconoscimento del Ministero dei Beni e delle Attività Culturali e del Turismo, da un lato sottolinea ancor di più la vicinanza delle istituzioni alle esigenze di incontro dei giovani artisti e dall’altro rende più evidente e concreto il significato del termine “sistema” concretamente applicato a indirizzi e scelte progettuali a favore della diffusione della cultura. In Box dal Vivo 2017 si presenta, quindi, come un passaggio importante per preparare un terreno idoneo a favorire il ricambio generazionale e il rinnovamento della scena artistica: un’occasione per consentire alla creatività delle compagnie selezionate di portare in scena gli esiti dei loro percorsi artistici. Motivi per i quali FTS vi aderisce come partner sostenitore da molti anni, seguendone e favorendone le molte tappe della sua crescita”.

’“Già l’anno scorso il festival ha saputo attrarre a Siena esperienze teatrali stimolanti ed innovative, valorizzando anche il tessuto locale. Siena si sta caratterizzando sempre più come una città dove la cultura del teatro è fortemente presente, come si vede anche dal numero e dal successo delle varie rappresentazioni. L’Amministrazione Comunale è molto interessata anche allo sviluppo delle attività formative in campo teatrale, che contribuiscono alla crescita culturale della nostra comunità” dichiara il Sindaco di Siena Bruno Valentini. “Due fattori caratterizzano questo progetto e sono alla base degli ottimi risultati che ha raggiunto: il suo carattere sperimentale ed il grande spazio che ha dato ai giovani. Il teatro è visto in modo diverso, non tradizionale, e siamo di fronte ad un percorso di forte innovazione in grado di coinvolgere persone nuove e di avvicinare al teatro le giovani generazioni, che mi sembra un risultato prezioso” afferma l’Assessora alla Cultura Francesca Vannozzi.

IL PROGRAMMA
Ricco il programma per questa seconda edizione senese delle “finali” di In-Box che, ricordiamolo, è prima di tutto un bando, anzi, due bandi che ogni anno mettono in palio decine di repliche a cachet per due ristretti gruppi di spettacoli: i 6 di In-Box e i 4 di In-Box Verde (teatro ragazzi), scelti quest’anno fra quasi 500 partecipanti: a loro andranno le 76 repliche (52+24) in palio.

I finalisti di In-box Verde si esibiranno al Teatro dei Rozzi il 17 e 18 maggio, in repliche mattutine dedicate alle scuole e in particolare a quelle classi che più si sono distinte durante Can You RePET, gara a tematica ambientale sempre a cura di Straligut: quasi 1.400 gli alunni che assisteranno agli spettacoli. Inaugura il programma il 17 maggio (09.30, Rozzi) “Cappuccetto Rosso, il Lupo e altre assurdità” di Dedalofurioso/Matàz Teatro (Vicenza), insolita riscrittura della celebre fiaba dei Grimm. Alle 11.30, sempre ai Rozzi, sarà la volta de “Il fiore azzurro” della Compagnia Burambò (Foggia), spettacolo di narrazione e figura per attrice e pupazzo alla ricerca dell’identità del popolo tzigano. Il 18 maggio alle 09.30 è in scena “Bleons – Lenzuola” di Teatro al Quadrato (Udine), viaggio alla scoperta della poetica delle…lenzuola. Chiuderà la sezione verde “Mr.Bloom, sognatore specializzato” (Rozzi, 11.30) di e con Antonio Brugnano (Milano), spettacolo fatto di gesti, musica e fantasia. Al termine delle esibizioni delle compagnie la giuria di In-Box Verde deciderà come distribuire le repliche in palio e lo spettacolo che se ne aggiudicherà di più sara proclamato “Vincitore In-Box Verde 2017” (Rozzi, 14.00). Chiusa la sezione per ragazzi, dal 19 si passerà alla sezione storica di In-Box, quella dedicata agli spettacoli “da grandi”.  Si comincia alle 16.00 al Teatro dei Rozzi con “Homologia” di DispensaBarzotti (Parma), onirico lavoro di teatro di figura che è al tempo stesso “studio dell’uomo” e “studio di ciò che si ripete identico”.  Alle 18.00 al Teatro del Costone tocca a “Scarabocchi” di Teatro Rebis (Macerata), essenziale metamorfosi scenica delle ciniche strisce a fumetti di maicol&mirco; chiude la giornata del 19, di ritorno al Teatro dei Rozzi, alle 21.15, “Vania” di Oyes (Milano), che racconta paure e frustrazioni dei nostri tempi attraverso una scrittura originale ispirata a “Zio Vanja” di Anton Checov.La giornata del 20 si apre con “My place – Il corpo e la casa” di Qui e Ora Residenza Teatrale (Milano), sguardo ironico e tragicomico sul femminile; alle 18.00 al Teatro del Costone va in scena “Sempre domenica” di Collettivo Controcanto (Ariccia), uno spettacolo sul tempo, l’energia e i sogni che il lavoro quotidianamente mangia, consuma, sottrae. Ultimo spettacolo in gara, “Hallo! I’m Jacket! Il gioco del nulla”, di Dimitri/Canessa (Livorno), chiude il programma alle 21.15 al Teatro dei Rozzi: spettacolo che si fa beffe della smania di produttività e “coolness” che fagocita saperi e contenuti. Nella notte del 20 verrà proclamato il “Vincitore In-Box 2017”, in un “Savana Party” conclusivo dedicato a tutti gli animali da compagnia del festival, che si terrà presso la Birreria La Diana a partire dalle 22.30.

EVENTI SPECIALI
Oltre alla festa conclusiva di sabato notte In-Box dal Vivo riserve un altro paio di interessanti fuori programma rivolti a tutta la città: alle 21.15 del 17 maggio, al Teatro del Costone, andrà in scena “Game Over” della compagnia GenoveseBeltramo (Torino), spettacolo non finalista ma facente parte della “Selezione In-Box Verde 2017”: aperto a famiglie e bambini dai 7-8 anni in su, che affronta in maniera intelligente e non scontata il rapporto genitori-figli nell’era digitale. Fuori programma musicale d’eccezione quello del 19 maggio: alle 23.30 il musicista e cantautore Alessandro Fiori (ex frontman dei Mariposa) porterà sul palco della Birreria La Diana la sua vena melodica sorniona e lisergica.

FORMAZIONE
In-Box dal Vivo sarà anche un cantiere di formazione: in collaborazione con l’Università degli Studi di Siena, il Santa Chiara Lab e uSiena Welcome, verranno attivati due percorsi formativi gratuiti dedicati alla popolazione studentesca. Dopo l’esperimento dell’anno scorso, In-Box Millennials dunque replica e si sdoppia: una giuria popolare di under 30 che, coadiuvata dal critico Gherardo Vitali Rosati, che sceglierà fra i finalisti di In-Box il proprio preferito e un workshop di scrittura critica volto a formare una redazione-laboratorio guidata dal giornalista Andrea Pocosgnich della testata online Teatro e Critica. Per iscriversi ai due percorsi c’è tempo fino al 14 maggio (mail a info@inboxproject.it). E sempre in abito di collaborazioni, da ricordare quelle attivate con Puglia Off, che racconterà sui social il festival, con Radio Siena Tv e con la radio universitaria uRadio.

 

In-Box è parte della residenza artistica “Up!” di Straligut Teatro, riconosciuta dalla Regione Toscana per il triennio 2016-2018 e sostenuta dal Comune di Siena e dal Comune di Monteroni d’Arbia. In-Box dal Vivo è sostenuto inoltre da Ricrea, Corepla, Unicoop Firenze e da Zurich Securitas Snc.

Biglietti di ingresso a € 5, che diventano € 3 per gli studenti universitari grazie alla convenzione attivata con Dsu Toscana. Info e prenotazioni su www.inboxproject.it, www.straligut.it e info@straligut.it, oppure al numero 371 1618585.

 

Ufficio stampa Straligut – In-Box
Natascia Maesi
mobile +39 335 1979414
mail: natascia.maesi@gmail.com

Ufficio stampa Fondazione Toscana Spettacolo
Mariella Iannuzzi
tel: +39 055 219851
mail: iannuzzi@toscanaspettacolo.it

Scarica il CS

Contattaci Newsletter
×
 
Grazie per esserti iscritto.
×
 
Grazie! Il suo messaggio è stato inviato.
×