Grosseto, Teatro Moderno: giovedì 7 gennaio, ore 21
Siena, Teatro dei Rinnovati: da venerdì 8 a domenica 10 gennaio, ore 21.15
Massa, Teatro Guglielmi: da venerdì 15 a domenica 17 gennaio, ore 21.15
Cortona, Teatro Signorelli: giovedì 21 e venerdì 22 gennaio, ore 21.15
Pisa, Teatro Verdi: sabato 23 (ore 21) e domenica 24 gennaio (ore 17)

QUELLO CHE NON HO
canzoni di Fabrizio De Andrè
drammaturgia e regia Giorgio Gallione
con Neri Marcorè
e con Giua, Pietro Guarracino e Vieri Sturlini (voci e chitarre)
arrangiamenti musicali Paolo Silvestri
collaborazione alla drammaturgia Giulio Costa
scene e costumi Guido Fiorato
luci Aldo Mantovani
dedicato a Pier Paolo Pasolini
produzione Teatro dell’Archivolto

La rabbia di Pier Paolo Pasolini e le anime salve di Fabrizio De Andrè. Da questa libera ispirazione nasce Quello che non ho, un affresco teatrale che ci interroga sulla nostra epoca. A Grosseto (7 gennaio), Siena (8-10 gennaio), Massa (15-17 gennaio), Cortona (21-22 gennaio) e Pisa (23-24 gennaio).

Con Quello che non ho siamo di fronte ad un anomalo, reinventato esempio di teatro-canzone che, ispirandosi a due giganti del nostro recente passato, De André e Pasolini, cerca di costruire una visione personale dell’oggi. Lo spettacolo si interroga sulla nostra epoca: in costante equilibrio tra ansia del presente e speranza nel futuro. Ispirato al film del 1963 La rabbia, nel quale Pasolini costruisce una personale visione del mondo del suo tempo nel quale convivono grandi utopie e boom economico, ma che presenta anche una distruzione dell’etica e del paesaggio e l’inizio del consumismo più sregolato. A fare di contorno al tutto le canzoni di Fabrizio De André: poesie in musica che spaziano dalle ribellioni e dalle ballate alla provocazione politica e alla visionarietà dolente delle “anime salve”.

Share This