Il grande teatro è di scena in Toscana! I teatri del circuito di Fondazione Toscana Spettacolo ospitano artisti e spettacoli vincitori dei premi Ubu, i prestigiosi riconoscimenti del teatro italiano assegnati da critici e giornalisti nazionali del settore.

I vincitori: Ronconi con Spregelburd, Antonio Latella, Mario Perrotta, Peppe Servillo, Stefano Massini, Danio Manfredini, Antonio Rezza e Flavia Mastrella, Marco Martinelli con Pantani; tra li finalisti: Filippo Dini, Valentina Picello.

Spettacolo dell’anno è Il panico di Rafael Spregelburd diretto da Luca Ronconi (nei teatri FTS lo scorso anno con La modestia, sempre dell’autore argentino), che scalza dalla medaglia d’oro Le voci di dentro di Eduardo De Filippo per la regia di Toni Servillo, a fine gennaio in scena al Teatro dei Rinnovati di Siena e l’11 e 12 febbraio al Teatro Verdi di Pisa. Spregelburd era stato, tra l’altro, protagonista di Teatri di confine 2012 con Lucido.

Il Premio Ubu 2013 per la miglior regia è andato a Antonio Latella, che a febbraio porterà al Teatro Guglielmi di Massa il suo anticonvenzionale Il servitore di due padroni di Carlo Goldoni.

Il premio per il miglior attore ha invece visto un ex-aequo: Carlo Cecchi per il suo cieco e tormentato Edipo ne La serata a Colono di Mario Martone e Mario Perrotta per Un bès – Antonio Ligabue, spettacolo che ad aprile potremo vedere nella rassegna “Scenari ausiliari” della stagione teatrale di Sansepolcro.

Tra i tre finalisti per il miglior attore figurava anche Filippo Dini per la sua performance ne Il discorso del re di Luca Barbareschi che ad anno nuovo sarà in ben cinque teatri FTS: Teatro Signorelli di Cortona, Teatro Persio Flacco di Volterra, Teatro Moderno di Grosseto, Teatro Comunale di Pietrasanta e Teatro Excelsior di Empoli. Una menzione particolare alla finalista Valentina Picella (come miglior attrice non protagonista), interprete intensa di Tre atti unici da Anton Cechov, visto a Pisa per Teatri di Confine 2013.

Stefano Massini, che sarà nei teatri della Fondazione con African Requiem e la sua versione de Il Principe di Niccolò Machiavelli, vince il premio speciale con la Lehman Trilogy, non ancora rappresentata in Italia, ma che ha segnato all’estero risultati significativi per l’intera drammaturgia italiana. Altri premi speciali a Chiara Guidi, Danio Manfredini, Antonio Rezza e Flavia Mastrella. Marco Martinelli vince con Pantani il premio nuovo testo italiano o ricerca drammaturgica.

Share This